bellacarovigno-carovigno-chiesa-del-carmine

Carovigno, la chiesa del Carmine

Subito fuoti il borgo antico di Carovigno si erige la chiesa del Carmine

La Chiesa del Carmine sita nel comune di Carovigno, venne edificata nel 1625. Dietro istanza dei Carmelitani, la Sacra Congregazione e la Curia di Ostuni approvano il trasferimento del Convento del Soccorso (sempre del comune di Carovigno), dal sito infestato da aria malsana in un’area posta in prossimità dell’arco di Del Prete, sul versante orientale del rione Terra.

La chiesa che verrà poi denominata del Carmine, iniziò ad essere istituita all’esterno delle mura della città.

All’ingresso dell’attuale chiesa, si può ancora osservare l’originale portale d’ingresso risalente alla prima metà del XVIII secolo. Probabilmente opera degli stessi carmelitani. Il suo interno invece è costituito da ben otto cappelle affrescate e distribuite lungo la navata (unica). Si possono ammirare anche diverse tele, le più preziose delle quali sono il S.Antonio da Padova del Cunavi, un S.Michele Arcangelo ed una Sacra Famiglia di firme ignote.

Dicevamo inizialmente, che i carmelitani iniziano a fabbricare un complesso architettonico imponente e articolato, composto da chiesa e convento. Per questo motivo il prospetto occidentale è dotato di caditoia utile per la difesa piombante dal terrazzo. Il sito è conosciuto nel Seicento con il toponimo di Campo della Sibilla e la chiesa presenta originariamente un accesso da nord, ancora oggi visibile.

Nel tempo, l’organismo architettonico ha mantenuto pressoché inalterato il suo impianto. Successivamente, a seguito della confisca dei beni da parte dello Stato Italiano, il convento è passato al Comune che ne è tuttora proprietario e ne ha istituito al suo interno il palazzo di Città.

Un piccolo e secondario ingresso è stato arbitrariamente aperto nel 1981. Il portale d’ingresso risale al 1723 ed è realizzato integralmente in pietra. L’aula liturgica è voltata a botte lunettata ed illuminata da finestre di ampia dimensione. Un articolato e profondo coro, coperto con sistema voltato stellare composito, in parte celato dall’altare seicentesco principale, completa la geometria compositiva.

Nei secoli, la chiesa del Carmine è stata un avamposto barocco e prezioso, nel cuore di Carovigno.